Il vino è vivo. Cresce e si struttura nel tempo. Alcuni vini invecchiano più di altri, ma tutti migliorano sviluppando la propria personalità. Ad un certo punto, per un motivo qualsiasi, qualcuno stappa una bottiglia, così di colpo il vino incontra l'ossigeno. Con un lungo e profondo respiro, scivola attraverso il collo della bottiglia per finisce nel bicchiere. Mentre ancora lo aiutiamo a respirare, lui esplode in tutta la sua bontà e diventa colore, profumo e in fine sapore. Aspettiamo ancora un attimo. Ma il bicchiere diventa piccolo, stretto, il vino non resiste più dentro, così con un ultimo colpo di reni salta fuori dal bicchiere e ci lascia sbalorditi.

gallerie_1_23.jpg 1 logo food & wine Out of glass 24 3
gallerie_2_10.jpg Tante facce, tanti modi di trasformare i prodotti, di creare i piatti, di lavorare e di essere cuochi, ma soprattutto amici. 3 Facce da cuochi 652 food & wine logo 2
0 Retrogusto 257 13 logo food & wine

La cucina é...mani che impastano, coltelli che affettano, acqua che bolle, pentole che sbattono; su e giù, un gran viavai che cresce verso l'ora di punta. Il ritmo accelera, l'occhio del cuoco controlla e dirige in un caos controllato che ben si confà al mio modo di fotografare.

gallerie_13_65.jpg
food & wine logo 12 Piatti 0 258 gallerie_12_56.jpg Mi piace dire che il mio lavoro mi dà da mangiare...e che piatti!
gallerie_16_41.jpg
Giallo infine è il colore che rimane impresso sulla carta, il colore della luce, il colore dei frutti, il colore dei profumi che anticipano un altro inverno che verrà qui in Sicilia. Giallo extravergine è il colore che fuoriesce da questa terra dai forti contrasti e dai toni saturi. Terra alzata dai venti e bruciata dal sole, terra dove uomini e donne da sempre lavorano a mani nude, trasformando il paesaggio e trasformati dagli elementi.
Ibleide è il primo libro della casa editrice Cibele ed è in vendita online.
food & wine 16 logo Ibleide 301 0

In un universo di privazione come quello carcerario, il cibo diventa un momento in cui affermare i propri gusti e la propria identità. Nel quotidiano di un detenuto la preparazione del cibo, la sua condivisione e necessaria reinterpretazione, diventano un modo per ricordare gli affetti, trasmettere agli altri una conoscenza pratica, condividere un piccolo ed intenso piacere. Per più anni ho fotografato, ascoltato, osservato e seguito i detenuti durante la preparazione del cibo e nella loro vita quotidiana. Il risultato è un ricettario “galeotto” nel quale confluiscono piatti, sapori multietnici e metodi di preparazione provenienti da tutto il mondo.

gallerie_3_60.jpg 3 logo food & wine Gambero nero 1296 0
19 logo food & wine Sapori reclusi 0 500
E' iniziato tutto quando ero in carcere. Insegnavo fotografia. E ho imparato un mondo intero. Più di cinque anni passati con i detenuti, cercando di capire quel mondo così nettamente diviso dal nostro. Diviso, ma non diverso, perché l'uomo è uomo sempre e deve, per esempio, mangiare. Il cibo, come bisogno e come forma espressiva, è stato quel filo che mi ha permesso di entrare nell'intimità delle celle, di conoscere le storie di chi le occupa 24 ore al giorno. Dal primo progetto ne sono passati di detenuti dalle portinerie, ma io ho cercato modi per tenere aperto questo piccolo spiraglio tra dentro e fuori. Ne è nata un'associazione "Sapori Reclusi" che cerca di legare realtà spesso nascoste con il resto della società.
gallerie_19_36.jpg
800 533 63 verticale generic gallerie_3_75.jpg 3 1730
È qui che suoniamo al campanello e l’elettronica apre il cancello pesante mentre la porta scorrevole spalanca verso un mondo neppure immaginato prima. Ci chiedono chi siamo, ci fanno mostrare i documenti, depositare i telefonini, mentre i telefoni interni rimbalzano da un luogo all’altro del carcere per avere conferma: chi siamo, cosa vogliamo, se davvero possiamo... “Perché siete qui?”. Per occuparci di cucina. Viene a noi da sorridere prima ancora che lo facciano gli altri.
44 44 743 3 gallerie_3_3.jpg 1239
44 44 675 3 gallerie_3_17.jpg 1253
gallerie_3_7.jpg 3 1243 44 44 985
44 44 810 verticale generic 3 gallerie_3_30.jpg 1266 "Il gambero nero, ricette dal carcere" è un libro fotografico, con testi di Michele Marziani . Pubblicato nel 2005 da Derive e Approdi, è stato recentemente stampato dalla casa editrice Cibele e si può acquistare online.
44 44 968 1241 3 gallerie_3_5.jpg
44 44 974 3 gallerie_3_6.jpg 1242
3 1237 gallerie_3_1.jpg 44 44 885
gallerie_3_9.jpg 3 1245 44 44 950
44 44 1019 1246 3 gallerie_3_10.jpg
44 44 1044 3 gallerie_3_11.jpg 1247
44 44 849 1248 3 gallerie_3_12.jpg
44 44 856 3 gallerie_3_13.jpg 1249
44 44 920 1250 3 gallerie_3_14.jpg
44 44 834 3 gallerie_3_15.jpg 1251
3 1252 gallerie_3_16.jpg 44 44 951
44 44 778 verticale 3 gallerie_3_18.jpg 1254 generic
Risotto alla "permettete"
Preparate in una pentola del brodo vegetale da tenere a temperatura. In una padella fate andare 250 grammi di seppioline a pezzetti in olio e aglio con aggiunta di prezzemolo verso fine cottura. Intanto tostate 400 grammi di riso con un pò di olio e di burro. Poi aggiungete un bicchiere di latte che, cotto, dà al riso un colore ambrato. Alla fine mantecate con una noce di burro. Spruzzate del prezzemolo tritato e del pepe nero macinato al momento.
gallerie_3_19.jpg 3 1255 44 44 1062
44 44 790 1256 3 gallerie_3_20.jpg
gallerie_3_46.jpg 3 1282 44 44 977
3 1236 gallerie_3_0.jpg 44 44 1016
44 44 849 1257 3 gallerie_3_21.jpg
44 44 924 1258 3 gallerie_3_22.jpg
gallerie_3_23.jpg 3 1259 44 44 832
44 44 989 1260 3 gallerie_3_24.jpg
gallerie_3_25.jpg 3 1261 44 44 891
44 44 1049 3 gallerie_3_26.jpg 1262
gallerie_3_27.jpg 3 1263 44 44 832
44 44 837 3 gallerie_3_8.jpg 1244
verticale 44 44 789
Fusilli all'arlecchina
Tagliate a cubetti una melanzana, una zucchina, una carota, un peperone rosso, un peperone giallo e una patata. In una padella fate soffriggere in olio mezza cipolla e uno spicchio d'aglio. Aggiungete le verdure e fate cuocere per venti minuti. Quindi aggiungete una scatola di piselli scolati e sciacquati e portate il sugo a cottura. Scolate i fusilli al dente e saltateli nella padella delle verdure aggiungendo del prezzemolo tritato.
generic 1264 3 gallerie_3_28.jpg
3 1265 gallerie_3_29.jpg 44 44 958
44 44 994 1240 3 gallerie_3_4.jpg
44 44 991 3 gallerie_3_31.jpg 1267
44 44 882 1268 3 gallerie_3_32.jpg
44 44 891 3 gallerie_3_33.jpg 1269
gallerie_3_34.jpg 3 1270 44 44 562
44 44 1084 3 gallerie_3_35.jpg 1271
gallerie_3_36.jpg 3 1272 44 44 936
gallerie_3_38.jpg 3 1274 44 44 1008
3 1275 gallerie_3_39.jpg 44 44 833
3 1276 gallerie_3_40.jpg 44 44 746
44 44 989 3 gallerie_3_41.jpg 1277
44 44 912 3 gallerie_3_43.jpg 1279
3 1278 gallerie_3_42.jpg 44 44 927
gallerie_3_44.jpg 3 1280 44 44 1078
3 1281 gallerie_3_45.jpg 44 44 981
44 44 1009 1283 3 gallerie_3_47.jpg
44 44 897 1284 3 gallerie_3_48.jpg
44 44 1041 1285 3 gallerie_3_49.jpg
44 44 1029 1287 3 gallerie_3_51.jpg
44 44 958 1288 3 gallerie_3_52.jpg
44 44 940 3 gallerie_3_53.jpg 1289
44 44 932 3 gallerie_3_54.jpg 1290
44 44 750 1291 3 gallerie_3_55.jpg
44 44 1046 3 gallerie_3_56.jpg 1292
44 44 1021 1293 3 gallerie_3_57.jpg
44 44 968 1294 3 gallerie_3_58.jpg
44 44 933 1295 3 gallerie_3_59.jpg
Tajine con carne e mandorle
La tajine è una specie di pentola di terracotta usata nella cucina nordafricana. Dentro alla tajine scaldate dell'olio d'oliva e mettete un chilo di carne di vitello tagliato a pezzettini abbastanza grossi. Condite con sale e pepe e fate rosolare per una decina di minuti, quindi aggiungete 4 grosse cipolle tagliate a pezzetti e un bicchiere grande di acqua calda.
A parte fate bollire 100 grammi di mandorle sgusciate in una casseruola, poi sbucciatele e fatele friggere in padella per 2 o 3 minuti e aggiungetele alla carne. Mettete dello zafferano e chiudete la tajine con il suo coperchio. Fate cuocere per altri 30 minuti.
generic gallerie_3_61.jpg 3 1297 verticale 44 44 763
3 1298 gallerie_3_62.jpg 44 44 953
44 44 935 3 gallerie_3_63.jpg 1299
44 44 786 3 gallerie_3_64.jpg 1300
gallerie_3_65.jpg 3 1301 44 44 1004
44 44 1058 1302 3 gallerie_3_66.jpg
44 44 1083 3 gallerie_3_67.jpg 1303
44 44 949 3 gallerie_3_68.jpg 1304
44 44 719 3 gallerie_3_69.jpg 1305
gallerie_3_70.jpg 3 1306 44 44 904
44 44 1051 3 gallerie_3_74.jpg 1310
verticale 44 44 695 "Non ci sono facce da detenuto. Ci sono sbarre e grate che indicano la separazione tra dentro e fuori." Michele Marziani 1308 3 gallerie_3_72.jpg generic
44 44 1017 3 gallerie_3_73.jpg 1309
3 1307 gallerie_3_71.jpg 44 44 947
gallerie_3_2.jpg 3 1238 44 44 866
44 44 702 1273 3 gallerie_3_37.jpg